Vai a sottomenu e altri contenuti

Assegno di maternità

L'assegno di maternità (incumulabile con altri trattamenti previdenziali fatto salvo l'eventuale diritto a percepire dal Comune la quota differenziale) spetta purché residenti in Italia:

  • alle cittadine italiane (dal 2 luglio 1999) circ. 179/1999;
  • alle cittadine comunitarie (dal 1° luglio 2000) msg. 482/2000;
  • alle cittadine extracomunitarie in possesso della carta di soggiorno (dal 1° luglio 2000) msg. 482/2000;
  • alle cittadine non comunitarie in possesso del permesso di soggiorno CE per soggiornanti di lungo periodo (circ.35/2010);
  • alle cittadine non comunitarie in possesso della carta di soggiorno di familiare di cittadino dell'Unione o Italiano, della durata di cinque anni (circ.35/2010);
  • alle cittadine non comunitarie in possesso della carta di soggiorno permanente per i familiari non aventi la cittadinanza di uno Stato membro.

Requisiti

L’assegno viene pagato direttamente dall’Inps e spetta alle donne non occupate (nonché a quelle occupate purché non aventi diritto a trattamenti economici di maternità ovvero, per la quota differenziale, a trattamenti di importo inferiore a quello dell’assegno). Nel caso di incumulabilità con altri trattamenti previdenziali (pagamento diretto e/o anticipato dal datore di lavoro), l’assegno del Comune va recuperato per intero se l’importo dell’indennità è superiore a quello dell’assegno, altrimenti, se l’importo dell’indennità è inferiore va recuperata la parte di assegno eccedente la quota differenziale (circ. 179/1999 - circ. 206/2000)

Costi

-

Documenti da presentare

La domanda per richiedere l'assegno è presentata al Comune di Meana - tramite un CAAF convenzionato.

Incaricato

-

Tempi complessivi

L’erogazione deve avvenire entro 45 giorni dalla data di ricezione dei dati trasmessi dai Comuni.

Documenti allegati

Documenti allegati
Titolo  Formato Peso
Modulo di domanda per l'assegno di maternità Formato pdf 136 kb
torna all'inizio del contenuto
torna all'inizio del contenuto